Il Club torna a ruggire: Palazzolo domato 2-1

17 Gennaio 2024

Il Club Milano c’è e ruggisce contro un’altra grande del campionato. Dieci giorni dopo il successo con l’Arconatese per 2-0 al Vista Vision arriva la pesante vittoria per 2-1 contro la Pro Palazzolo griffata dalle reti di Mouna Dioh e di Mazzitelli. Un successo tanto prezioso quanto pesante che porta il Club Milano a quota 29 punti in classifica, tenendo le avversarie dirette per la salvezza a un margine di sicurezza importante.

PRIMO TEMPO Per il secondo dei tre impegni in sette giorni il Club Milano, battezzato con il classico 3-5-2, rispetto a Caravaggio presenta una novità per reparto: nel pacchetto difensivo, c’è Diouck accanto a Tordini e Rigo; in mediana spazio a Mazzitelli dal primo minuto accanto a Costa e Mouna Dioh, mentre a comporre la coppia offensiva con Rankovic c’è Dario Grechi.
Partita contro una squadra in salute come la Pro Palazzolo che, in avvio, prova a prendere in mano le operazioni e nei primi dieci minuti prova due squilli verso la porta di Stucchi: il primo, al 7’, con Ciccone, costringe il portiere del Club Milano a disinnescare in angolo la conclusione indirizzata all’incrocio; il secondo, invece, è un rasoterra in area di Montesano che termina docile tra le braccia di Stucchi. Il Club Milano, comunque accorto e mai in affanno, si vede al 16’ con il colpo di testa di Rigo su angolo, mentre al 22’ ha un’occasione importante con Mouna Dioh su una incertezza in area della retroguardia della Pro Palazzolo sulla quale è decisiva l’uscita bassa di Mangiapoco. Club Milano che prova a farsi vedere su punizione con Rankovic, mentre l’ultimo acuto del primo tempo (35’) è la zuccata del bresciano Bane su palla inattiva che termina fuori.

SECONDO TEMPO In avvio di ripresa il copione sembra essere quello delle prime battute, con la Pro Palazzolo che cerca il guizzo vincente per due volte: la prima, con la conclusione dalla distanza di Montesano che Stucchi devia in angolo (6’) e poi con un pallone teso scodellato in area piccola che Bane, per il posizionamento di Rigo e Stucchi non riesce a far suo. Dopo il brivido superato il Club Milano torna subito sul pezzo e al 10’ passa in vantaggio con la zuccata vincente di Mouna Dioh in area di rigore al termine dell’azione avviata dalla giocata di Costa e il servizio sulla destra per Grechi. Il Pro Palazzolo, ferito dal gol incassato, si vede poi con il diagonale di Tremolada dalla destra (15’) e il colpo di testa su angolo di Gualandris (19’). Al 20’ arriva il raddoppio del Club Milano con il 2005 Stefano Mazzitelli che, alla terza presenza stagionale da titolare, trova la sua prima rete in campionato finalizzando il servizio dalla destra di Rankovic. Risultato che pare virtualmente blindato ma al 29’ ecco l’episodio che dà una nuova storia ai minuti finali quando Ravasi, su un contestato calcio di punizione a due in area, accorcia le distanze. L’inerzia della partita si sposta dalla parte della Pro Palazzolo che, a testa bassa, va alla ricerca del pareggio: occasioni vere e proprie per i bresciani non ne arrivano anche perché la diga del Club tiene senza sbriciolarsi di un centimetro.

CLUB MILANO-PRO PALAZZOLO 2-1
RETI:
10’ Dioh Mouna (C), 20’ st Mazzitelli (C), 29’ st Ravasi (P).
CLUB MILANO: Stucchi; Rigo, Tordini, Diouck; Foschiani (37’ st Cuoco), Mazzitelli (32’ st Natale), Costa (41’ st Greco), Dioh Mouna, Ruiz; Grechi (16’ st Panzani), Rankovic.
A disp. Mozani, Scaglione, Fossati, Minelli, Goffi. All. Scavo.
PRO PALAZZOLO: Mangiapoco; Olivieri, Bane, Montesano; Agostini (23’ st Cuel), Ciccone (23’ st Arras), Muhic (42’ st D’Iglio), Gualandri, Di Masi (37’ st Boschetti); De Angelis (12’ st Ravasi), Tremolada.
A disp. Valtellini, Bini, Orlandi, Pedone. All. Didu.
ARBITRO: Waldmann Sezione di Frosinone.
ASSISTENTI: Tuccillo Sezione di Pinerolo e De Simone Sezione di Roma 1.
ESPULSO: 50’ st Tremolada (P).
AMMONITI: Consonni (P), Rankovic, Tordini, Foschiani, Stucchi (C).

TI PIACEREBBE ISCRIVERTI ALLA NOSTRA SCUOLA CALCIO?

Copyright © 2023 - A.S.D. Calcio Club Milano P.IVA 06247110155 - designed by Antonio Erario