Mister Belli scrive alla sua squadra

Mister Belli, tecnico dell’Under 15 Regionale, scrive alla sua squadra.

Milano, 16 marzo 2020

Ciao ragazzi, stanotte vi pensavo.

Pensavo che mi mancate un sacco, che è successo tutto talmente velocemente che non abbiamo potuto nemmeno salutarci come si deve: un in bocca al lupo, una pacca sulla spalla. Abbiamo lasciato il campo convinti di rivederci al lunedì e invece siamo ancora costretti a star lontano dal campo. È stato tutto talmente veloce e confuso che in questi giorni vi ho anche un po’ trascurato.

E così siamo arrivati alla terza settimana senza calcio, tanto che quasi nemmeno un brutto infortunio ci terrebbe lontano dal campo per così tanto. Filo si è quasi spaccato la testa ed è stato fuori solo 10 giorni.

Ma ora stiamo tutti giocando una partita importantissima. L’avversario è tostissimo e non ci ha dato nemmeno il tempo di preparare la gara come ci stavamo abituando a fare. Ma una cosa l’avrete capita spero: come vi dico spesso, dobbiamo giocare dentro per liberare spazio fuori, così non daremo tempo al nostro avversario per “venirci a prendere”. E bisogna fare squadra. Ricordate? Ognuno di voi gioca tranquillo se sa che davanti, dietro e di fianco ha un compagno pronto a sacrificarsi per lui… E sacrificarsi per il compagno, oggi, vuol dire rispettare le restrizioni e restare a casa. È dura lo so, siete chiamati ad una prova che mai un ragazzo della vostra età dovrebbe affrontare; ma pensate che soddisfazione, quando tutto sarà finito, aver la sensazione di aver partecipato a qualcosa di grande ed aver la consapevolezza di poter dire «l’ho fatto per te, e per te, e per te, e per te», e poi anche per voi stessi.

È dura lo so, come è dura star fuori dal campo, lontano dal pallone. Ora potete solo sognare. Sognare il prossimo allenamento (spero), la prossima partita, il prossimo gol ed anche, perfino, il prossimo fischio dell’arbitro: io non vedo l’ora di sentire il prossimo fischio, fosse anche contro. E fatelo fortissimo, ragazzi, sognate fortissimo: questo grazie al cielo non ce lo toglieranno mai. E poi vivete di calcio per come potete: guardate partite, cercate video, immaginatevi in mezzo al campo in questo o quel momento particolare, e se potete trovate ogni scusa per mettervi una palla tra i piedi, anche una pallina di carta (magari senza distruggere il salotto di mamma e papà).

Non so se questo virus ci darà modo di rivederci ancora sul campo almeno per un’altra volta in questa stagione… So che io mi sto immaginando quel prossimo allenamento e sarà l’allenamento più bello che abbia mai preparato, vissuto, voluto!

Mi manca il calcio, mi mancano le partite, gli allenamenti e soprattutto mi mancate voi.

Forza ragazzi, vedrete che quando ricominceremo a vedere la luce, con la nostra voglia di calcio illumineremo il campo per una settimana intera.

 

#ANewClubMilano

error: Content is protected !!